Gli effetti benefici di un lungo cammino sono spesso legati alla sensazione di “staccare la spina” che prende il sopravvento dopo qualche giorno di viaggio. Il tuo ruolo sociale, il tuo mestiere, perdono significato quando ti trovi a camminare con uno zaino sulle spalle per sei ore al giorno. Il tempo si dilata, si stabilisce una corretta distanza dal passato e dalle eventuali sofferenze che ti ha procurato, e si ridimensiona l’importanza del futuro, con il suo carico di ansie. Vivi nel presente, nel qui e ora, in uno stato di connessione con la natura e con l’umanità difficile da raggiungere altrimenti.

Difficile, ma non impossibile: gli effetti benefici che ho appena descritto sono molto simili a quelli della meditazione, e in particolare della meditazione camminata.

Nell’immaginario collettivo la pratica della meditazione è associata a una condizione di staticità, simboleggiata dalla posizione del loto, e gran parte delle persone che praticano la meditazione in effetti lo fanno da fermi. Tuttavia esistono varie tecniche e scuole di meditazione camminata, e la figura che più di altre ha contribuito alla diffusione di questa pratica è il monaco vietnamita Thich Nhat Hanh, maestro zen, poeta, attivista per la pace, che negli anni ’80 si è trasferito in Francia dove ha fondato Plum Village, una comunità in cui diffondere l’arte di vivere in consapevolezza. Da allora ha organizzato numerosi ritiri ai quali hanno partecipato migliaia di persone provenienti da tutto il mondo, ed è venuto spesso in Italia, un Paese in cui è molto amato.

Negli ultimi anni Thay, come è chiamato dai suoi seguaci, superati i 90 anni di età, è ritornato in Vietnam, ma i suoi insegnamenti sono portati avanti dai suoi numerosissimi seguaci ed allievi, tra cui Antonella Arnese, docente del corso di meditazione camminata della Scuola del Movimento Lento.

Quest’anno Antonella aveva programmato il corso “Passi che trasformano, pratiche di meditazione camminata” alla Casa del Movimento Lento nel mese di Aprile, e per ovvie ragioni legate all’emergenza sanitaria abbiamo dovuto rimandarlo a data da destinarsi. Abbiamo deciso di approfittare del periodo di lockdown per creare un corso a distanza che consentisse comunque alle tante persone interessate all’argomento di imparare le tecniche di base del cammino consapevole.

Antonella ha creato per noi il video-corso “La pace ad ogni passo”, ambientandolo in luoghi di una bellezza straordinaria, tra le Dolomiti di Brenta, la zona in cui abita. Dieci lezioni in cui accompagna gli allievi alla scoperta della filosofia e delle tecniche della meditazione camminata, dieci appuntamenti da guardare o da ascoltare immersi nella natura, per imparare a camminare in consapevolezza e a concentrarsi sul “qui e ora”.

È un corso bellissimo nella sua semplicità, sono stato il primo a frequentarlo e mi è piaciuto molto. Da anni di tanto in tanto tento di avvicinarmi alla meditazione seduta, ma la mia mente dopo pochi minuti “parte per la tangente” e vanifica tutti i miei sforzi. Con questo corso sono riuscito ad arrivare alla meditazione praticando l’attività che più amo, il camminare, con grande facilità e naturalezza.

Ti consiglio dunque questo corso se come me hai già esperienza di viaggio a piedi, e ami viaggiare nello spazio interiore oltre che nello spazio esterno.

Buon cammino consapevole!

Alberto Conte


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}
>